STOP AL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI: cosa succede dal 1° luglio?

Stop al blocco dei licenziamenti
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter

STOP AL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI: la nostra esperienza quotidiana ci conferma come il licenziamento sia spesso l’evento scatenante dei problemi di debito. Perdere il lavoro significa perdere la propria fonte di reddito e, di conseguenza, trovarsi nell’impossibilità di pagare le rate del mutuo, del finanziamento e venire meno ai propri impegni economici e finanziari.


Da qui, una spirale fatta di lettere e telefonate da parte della banca o altri creditori che pretendono il pagamento di quanto loro dovuto fino ad arrivare al pignoramento dei beni e alla loro (s)vendita all’asta.

Dal 1° luglio le aziende possono tornare a licenziare: cosa fare se si hanno anche dei debiti?
LA SOLUZIONE C’È, ESISTE! Vediamola insieme.

Tempo di lettura: 10 minuti

STOP AL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI

Il 30 giugno decadono gli effetti del c.d. Decreto Sostegni Bis ovvero il Decreto Legge 25 maggio 2021, n 73 pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 123 del 25 maggio 2021.
Dal 1° luglio, stando così le cose, è previsto lo stop al blocco dei licenziamenti ovvero il divieto imposto alle aziende di licenziare i dipendenti a causa della crisi economica innescata dalla pandemia di Covid-19.

STOP AL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI: PERDITA DI LAVORO E DEBITO

Stop al blocco dei licenziamenti

Lavoriamo ogni giorno per cancellare il debito delle molte persone e famiglie in difficoltà in tutta Italia e la nostra esperienza quotidiana ci conferma che molto spesso alla perdita del lavoro consegue l’inizio delle difficoltà economiche.

Così come nella storia di Romeo e Cristina, di cui riportiamo sopra la testimonianzala perdita di reddito dovuta alla perdita del lavoro innesca meccanismi capaci di far cadere una persona o una famiglia nella spirale del debito:

  • –> Le Agenzie di Recupero Crediti iniziano a tempestarti di telefonate e inizi ad avere il timore di ricevere Decreti Ingiuntivi via posta.
  • –> La banca non ti concede la sospensione del mutuo o del prestito e non riesci più a far fronte ai debiti per motivi che non dipendono da te.
  • –> Senti che la situazione ti sta sfuggendo di mano e non sai cosa fare e a chi rivolgerti.

STOP AL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI: COSA SUCCEDE DAL 1° LUGLIO?

Stop al blocco dei licenziamenti

Cerchiamo di capire cosa succede, stando così l’attuale stato delle cose, dal 1° luglio 2021.
Il termine del blocco dei licenziamenti, inizialmente fissato al 16 maggio 2020, è stato ripetutamente prorogato, da ultimo proprio con il Decreto Sostegni Bis (D.L. 25 maggio 2021, n. 73).

Quest’ultimo individua tre diverse scadenze per lo stop al blocco dei licenziamenti:

  • –> 30 giugno 2021 per le imprese in genere.
  • –> 31 ottobre 2021 per le aziende che accedono agli ammortizzatori sociali introdotti dal Decreto Sostegni, in particolare la Cassa Integrazione Guadagni In Deroga (CGID), l’assegno erogato dal Fondo di Integrazione Salariale (FIS) e la Cassa Integrazione Salariale Operai Agricoli (CISOA).
  • –> 31 dicembre 2021 per i datori di lavoro che, a partire dal 1° Luglio 2021, accederanno alla Cassa Integrazione Ordinaria o Straordinaria.

Per questa ragione lo stop al blocco dei licenziamenti viene anche definito “blocco selettivo”.

STOP AL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI: I MOTIVI DEL LICENZIAMENTO

I lavoratori di tutti i settori per i quali non è al momento prevista una proroga allo stop dei licenziamenti potranno essere licenziati per giustificato motivo oggettivo quale la crisi dell’impresa o il venir meno delle mansioni cui è assegnato il lavoratore: si torna in sostanza alla gestione ordinaria dei licenziamenti così com’era prima del Covid-19.

Tutto ciò in un momento in cui manca un sistema virtuoso di politiche attive del lavoro utili al sostegno di chi si troverà disoccupato.

LA SOLUZIONE C’È, ESISTE!

IL MOMENTO DI AGIRE È ORA

Capisci bene, allora, che rinviare ancora il problema del debito non può far altro che aggravarlo ulteriormente. 

  • –> Se hai difficoltà nel pagare le rate del mutuo o del finanziamento dal 1° luglio ti troverai con la casa e il conto corrente pignorati e potresti trovarti anche senza lavoro.
  • –> Se, invece, avevi già la casa pignorata o all’asta prima del 31 dicembre 2020 la tua casa sarà (s)venduta all’asta e ti ritroverai senza casa, con un debito residuo ancora da pagare e con la possibilità di perdere il lavoro.
Riprendono aste e pignoramenti
Cancella il tuo debito, ORA!
 
Liberati dal debito una volta per tutte e torna a sorridere e vivere sereno.

LA SOLUZIONE: NON ASPETTARE, RIVOLGITI ORA A PUNTOZERO

Il problema del debitose non affrontato in maniera corretta affidandosi a dei professionisti del settorepuò rappresentare un tunnel senza via d’uscita.

Ecco perché è importante agire per tempo, raccogliere il proprio coraggio e rivolgersi a dei professionisti in grado di cancellare per sempre e una volta per tutte il problema del debito.

Solo rivolgendosi a un CONSULENTE DEL DEBITO sarà possibile evitare le gravi conseguenze legate al debito e trovare una vera soluzione che permetta a chi è in gravi difficoltà debitorie di cancellare per sempre il proprio debito e tornare a vivere una vita normale con tranquillità e serenità.

IL METODO PUNTOZERO®

Grazie al nostro brevettato METODO PUNTOZERO® abbiamo risolto con esito favorevole oltre il 90% delle pratiche lavorate.

metodo puntozero saldo e stralcio

I nostri risultati lo confermano:

  • Oltre 8,5 milioni di euro di debito cancellati.
  • Centinaia di persone liberate dal debito, persone che avrebbero visto i propri debiti aumentare fino al tracollo economico e finanziario.

CANCELLA IL TUO DEBITO, PER SEMPRE

Contattataci subito e valutiamo insieme l’attivazione della pratica che ti permetterà di azzerare una volta per tutte i tuoi debiti alle condizioni più favorevoli.

RICEVI UNA CONSULENZA GRATUITA CLICCA ORA SUL LINK QUI SOTTO

CONSULENZA GRATUITA

I NOSTRI RISULTATI SONO VERIFICABILI E ACCERTATI DAL PROVVEDIMENTO DEL TRIBUNALE che attesta legalmente l’estinzione dell’asta e la cancellazione dei debiti dei nostri clienti.

Testimonianza reale

I NOSTRI RISULTATI SONO CONFERMATI DALLE MOLTISSIME TESTIMONIANZE di chiaffidatosi a noi, una volta visto cancellato per sempre il proprio debito ci ha ringraziato con il sorriso sulle labbra rivolgendoci frasi come:

è stata una grande gioia conoscervi, per me voi siete degli angeli”; “oggi che sono libero dai debiti è un’altra vita, non ci posso ancora credere”; “vogliamo ringraziare PUNTOZERO perché ha dimostrato quell’umanità e quella comprensione che non abbiamo invece ricevuto dai nostri creditori”; “graziegrazie e ancora grazie all’infinito… Siete unici”; “è bello sapere che esistono persone che con il sorriso e l’umiltà sono vincenti e sanno ridare la dignità e la fiducia alle famiglie in difficoltà con le banche. Grazie!“ o ancora “per me è stato come vincere al SuperEnalotto. Consiglio PUNTOZERO a tutti coloro che si trovano con la casa pignorata come l’avevo io”.

Testimonianza reale

Per maggiori informazioni sul METODO PUNTOZERO® visita il nostro sito https://www.puntozero.it oppure chiamaci al NUMERO VERDE GRATUITO – RIPARTI SENZA DEBITO 800 135 411.
Saremo più che lieti di rispondere alle tue domande.

Testimonianza reale

Non avere paura di contattarci, non sei solo: sapremo dare risposta a ogni tua domanda.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e scopri le soluzioni che possiamo offrirti per risolvere i tuoi debiti.

© 2021 PUNTOZERO SRL. Tutti i diritti sono riservati. – P.IVA 05231260281
Design by Davide Armari di ArmaringrossPrivacy e Cookie PolicyInformative sulla PrivacyNote LegaliTermini e Condizioni Generali di Vendita
Shopping Basket
small_c_popup.png

NON PERDERE LE PROSSIME NOVITÀ

Lascia un Like alla Pagina Facebook