NUOVO REGOLAMENTO EBA DA GENNAIO CHI VA IN ROSSO DIVENTA CATTIVO PAGATORE?

Regolamento EBA
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter

A norma del nuovo regolamento EBA, il correntista che va in rosso anche solo di 100 euro rischia davvero di essere segnalato come “cattivo pagatore”? Scopriamolo in questo articolo.

Tempo di lettura: 5 minuti

Il 1˚ gennaio 2021 è scattato, anche in Italia, l’obbligo per le banche di adeguarsi al nuovo regolamento europeo EBA (European Banking Authority) che detta regole più severe in relazione ai debiti in sofferenza. In particolar modo il nuovo regolamento EBA detta nuove linee guida sull’identificazione e sulla segnalazione presso il CRIF dei clienti in stato di default; nuove regole alle quali tutte le banche europee, quindi anche quelle italiane, hanno l’obbligo di adeguarsi.

COS’È IL CRIF?

È la Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria, ovvero il database informatico che contiene tutti i dati sullo stato di avanzamento dei pagamenti relativi ai mutui, finanziamenti e prestiti estinti, in richiesta, rifiutati o concessi a consumatori e imprese i cui dati anagrafici sono anch’essi registrati.

Regolamento EBA

Le banche, le società finanziarie, le aziende ma anche i privati cittadini si collegano tutti i giorni al CRIF per effettuare verifiche sulle persone che gli abbiano fatto richiesta di credito, che gli abbiano chiesto una fornitura o che gli abbiano chiesto di prendere casa in affitto.

LE NUOVE REGOLE DEL REGOLAMENTO EBA

Il titolare di un conto corrente in rosso potrà essere segnalato alla Centrale Rischi CRIF nel caso in cui la sua esposizione debitoria venga classificata come sofferenza difficilmente recuperabile. I requisiti secondo i quali la sofferenza debitoria deve essere classificata dalle banche come difficilmente recuperabile sono delineati in una recente comunicazione consultabile sul sito internet della Banca d’Italia:

EBA

a) il debitore è in arretrato da oltre 90 giorni (in alcuni casi, ad esempio per le amministrazioni pubbliche, 180) nel pagamento di un’obbligazione rilevante; b) la banca giudica improbabile che, senza il ricorso ad azioni quali l’escussione delle garanzie, il debitore adempia integralmente alla sua obbligazione.

[…] Per quanto riguarda la condizione a), un debito scaduto va considerato rilevante quando l’ammontare dell’arretrato supera entrambe le seguenti soglie:

i) 100 euro per le esposizioni al dettaglio e 500 euro per le esposizioni diverse da quelle al dettaglio (soglia assoluta); ii) l’1 per cento dell’esposizione complessiva verso una controparte (soglia relativa). Superate entrambe le soglie, prende avvio il conteggio dei 90 (o 180) giorni consecutivi di scaduto, oltre i quali il debitore è classificato in stato di default”.

IN SOSTANZA

Affinché un debitore, titolare di un conto corrente in rosso, sia segnalato come “cattivo pagatore” alla Centrale Rischi CRIF devono verificarsi insieme le seguenti condizioni:

  • In misura assoluta: scoperto superiore ai 100 euro.
  • In misura percentuale: scoperto pari almeno all’1% del totale delle obbligazioni creditizie.
  • Essere in arretrato da 90 giorni.

Per un’azienda, invece, la misura assoluta dello scoperto sale a 500 euro; le altre condizioni rimangono invariate.

LE CONSEGUENZE

La contemporanea presenza di queste tre condizioni, secondo il nuovo regolamento europeo EBA, comporta il passaggio del debito a sofferenza (dal punto di vista del debitore) e quindi, di conseguenza, il passaggio del credito da sano a deteriorato (dal punto di vista della banca) ovvero tale che la banca debba considerare il rischio elevato di non riavere indietro il denaro erogato per il mutuo, finanziamento o prestito.

A questo punto scattano una serie di conseguenze molto gravi che portano il debitore a quella che può essere definita “la morte finanziaria”:

  • Blocco del conto corrente.
  • Blocco delle carte di debito e di credito, anche prepagate.
  • Impossibilità di ottenere prestiti o finanziamenti, anche quelli di piccolo o piccolissimo importo.
  • Serie difficoltà a prendere casa in affitto.
  • Serie difficoltà anche solo a intestarsi le utenze domestiche di luce, acqua e gas.

LA SOLUZIONE

Il problema del debitose non affrontato in maniera corretta affidandosi a dei professionisti del settorepuò rappresentare un tunnel senza via d’uscita.

NON ASPETTARE. RIVOLGITI A PUNTOZERO.  

Ecco perché è importante agire per tempo, raccogliere il proprio coraggio e rivolgersi a dei professionisti in grado di cancellare per sempre e una volta per tutte il problema del debito.

Solo rivolgendosi a un CONSULENTE DEL DEBITO sarà possibile evitare le gravi conseguenze legate al debito e trovare una vera soluzione che permetta a chi è in gravi difficoltà debitorie di cancellare per sempre il proprio debito e tornare a vivere una vita normale con tranquillità e serenità.

IL METODO PUNTOZERO®

Grazie al nostro brevettato METODO PUNTOZERO® abbiamo risolto con esito favorevole oltre il 90% delle pratiche lavorate.

metodo puntozero saldo e stralcio

I nostri risultati, solo negli ultimi 21 mesi, lo confermano:

  • Oltre 8 milioni di euro di debito cancellati.
  • Centinaia di persone liberate dal debito, persone che avrebbero visto i propri debiti aumentare fino al tracollo economico e finanziario.

CANCELLA IL TUO DEBITO, PER SEMPRE

Contattataci subito e valutiamo insieme l’attivazione della pratica che ti permetterà di azzerare una volta per tutte i tuoi debiti alle condizioni più favorevoli.

RICEVI UNA CONSULENZA GRATUITA CLICCA ORA SUL LINK QUI SOTTO

CONSULENZA GRATUITA

I NOSTRI RISULTATI SONO VERIFICABILI E ACCERTATI DAL PROVVEDIMENTO DEL TRIBUNALE che attesta legalmente l’estinzione dell’asta e la cancellazione dei debiti dei nostri clienti.

I NOSTRI RISULTATI SONO CONFERMATI DALLE MOLTISSIME TESTIMONIANZE di chiaffidatosi a noi, una volta visto cancellato per sempre il proprio debito ci ha ringraziato con il sorriso sulle labbra rivolgendoci frasi come:

è stata una grande gioia conoscervi, per me voi siete degli angeli”; “oggi che sono libero dai debiti è un’altra vita, non ci posso ancora credere”; “vogliamo ringraziare PUNTOZERO perché ha dimostrato quell’umanità e quella comprensione che non abbiamo invece ricevuto dai nostri creditori”; “graziegrazie e ancora grazie all’infinito… Siete unici”; “è bello sapere che esistono persone che con il sorriso e l’umiltà sono vincenti e sanno ridare la dignità e la fiducia alle famiglie in difficoltà con le banche. Grazie!“ o ancora “per me è stato come vincere al SuperEnalotto. Consiglio PUNTOZERO a tutti coloro che si trovano con la casa pignorata come l’avevo io”.

Per maggiori informazioni sul METODO PUNTOZERO® visita il nostro sito https://www.puntozero.it oppure chiamaci al NUMERO VERDE GRATUITO – RIPARTI SENZA DEBITO 800 135 411.
Saremo più che lieti di rispondere alle tue domande.

Non avere paura di contattarci, non sei solo: sapremo dare risposta a ogni tua domanda.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Shopping Basket
small_c_popup.png

NON PERDERE LE PROSSIME NOVITÀ

Lascia un Like alla Pagina Facebook